IALweb Homepage
Forum Home Forum Home > Programmazione > Programmazione > HTML - XML
  New Posts New Posts RSS Feed - TRACCIATI SEPA
  FAQ FAQ  Forum Search   Events   Register Register  Login Login


REGISTRATEVI su IALWeb forum!

TRACCIATI SEPA

 Post Reply Post Reply Page  <12
Author
Message
Freund Fritz View Drop Down
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Avatar

Joined: 04/Set/2015
Location: Deutschland
Status: Offline
Points: 40
Post Options Post Options   Thanks (0) Thanks(0)   Quote Freund Fritz Quote  Post ReplyReply Direct Link To This Post Posted: 10/Ott/2015 at 11:55
Originally posted by pivetser pivetser wrote:

Buongiorno a tutti,

mi aggiungo alla discussione sottoponendovi un problema al quale non sono riuscito a trovare spiegazioni esaustive.

Nel caso in cui un cliente con mandato attivo cambi IBAN all'interno della stessa banca per cambio conto o semplicemente per cambio ABI (es. fusione) da quello che ho capito devo emettere nuovo mandato con il nuovo IBAN ma devo valorizzare <AmdmntInd>True</AmdmntInd> a questo punto però non ho capito cosa devo mettere nella sezione successiva <AmdmntInfDtls><AmdmntInfDtls>

Qualcuno per cortesia sa darmi una mano?


Guten Morgen pivetser!
Ci sono due aspetti che devi tenere presente. Quello formale e quello pratico. Quello pratico, che è molto importante per chi opera professionalmente, te lo sviluppo alla fine.
E' legittimo valoriazzare la  zona dei dettagli di amendment (che serve per dettagliare la variazione richiesta all'SDD) ovviamente se si valorizza
                    <AmdmntInd>true</AmdmntInd>
                    <AmdmntInfDtls>

Entriamo insieme nella sequenza di tag. I commenti precedono i tag:
Orgnl sta per originale, quindi se devi cambiare il codice del mandato è praticamente necessario inserire l'id originale. Non far caso al facoltativo che accompagna le indicazioni sul campo. Tieni presente solo le condizioni operative. Non è buona cosa cambiare la codificazione senza far risottoscrivere il mandato. Qualcuno però lo fa.
                        <OrgnlMndtId>a</OrgnlMndtId>

L'anagrafica generale del creditore può cambiare
                        <OrgnlCdtrSchmeId>
nel nome
                            <Nm>a</Nm>
nell'indirizzo (presentato nella forma molto analitica di ISO) e qui come in tutti i dati del blocco inserirai i dati precedenti
                            <PstlAdr>
                                <AdrTp>PBOX</AdrTp>
                                <Dept>a</Dept>
                                <SubDept>a</SubDept>
                                <StrtNm>a</StrtNm>
                                <BldgNb>a</BldgNb>
                                <PstCd>a</PstCd>
                                <TwnNm>a</TwnNm>
                                <CtrySubDvsn>a</CtrySubDvsn>
                                <Ctry>AA</Ctry>
                                <AdrLine>a</AdrLine>
                                <AdrLine>a</AdrLine>
                            </PstlAdr>
Anche i codici che identificano il creditore e forniti da vari issuer (esempio ADE) possono mutare e qui inserirai il dato vecchio, senza mai farti ingannare dalla facoltatività dichiarata.

                            <Id>
                                <PrvtId>
                                    <Othr>
                                        <Id>a</Id>
                                        <SchmeNm>
                                            <Cd>a</Cd>
                                        </SchmeNm>
                                        <Issr>a</Issr>
                                    </Othr>
                                </PrvtId>
                            </Id>
Anche la nazione di residenza del creditore può variare, soprattutto in questo periodo di globalizzazione e di crisi.
                            <CtryOfRes>AA</CtryOfRes>
                        </OrgnlCdtrSchmeId>

Rispetto ai rapporti bancari del creditore
                        <OrgnlCdtrAgt>
                            <FinInstnId>
Se il creditore cambia camba BIC e ABI i vecchi dati vanno qui (immer die alten Dateien!)
                                <BIC>AAAAAA20</BIC>
                                <ClrSysMmbId>
                                    <MmbId>a</MmbId>
                                </ClrSysMmbId>
                            </FinInstnId>
                        </OrgnlCdtrAgt>
E se cambia qualcosa per il debitore si indica qui
                        <OrgnlDbtr>
il vecchio nome
                            <Nm>a</Nm>
il vecchio indirizzo
                           <PstlAdr>
                                <AdrTp>BIZZ</AdrTp>
                                <Dept>a</Dept>
                                <SubDept>a</SubDept>
                                <StrtNm>a</StrtNm>
                                <BldgNb>a</BldgNb>
                                <PstCd>a</PstCd>
                                <TwnNm>a</TwnNm>
                                <CtrySubDvsn>a</CtrySubDvsn>
                                <Ctry>AA</Ctry>
                                <AdrLine>a</AdrLine>
                                <AdrLine>a</AdrLine>
                            </PstlAdr>
gli id cari a Swift (non si vedono quasi mai)
                           <Id>
                                <OrgId>
                                    <BICOrBEI>AAAAAA20</BICOrBEI>
                                </OrgId>
                            </Id>
la nazione di residenza
                            <CtryOfRes>AA</CtryOfRes>
                        </OrgnlDbtr>
                        <OrgnlDbtrAcct>
e l'IBAN, ma qui bisogna stare attenti.
                            <Id>
                                <IBAN>AA000</IBAN>
                            </Id>
                        </OrgnlDbtrAcct>
I vecchi dati della banca del debitore, e anche qui massima attenzione. Siamo nelle possibilità formali a
cui devono corrispondere reali effetti pratici.
                        <OrgnlDbtrAgt>
                            <FinInstnId>
                                <BIC>AAAAAA20</BIC>
                                <ClrSysMmbId>
                                    <MmbId>a</MmbId>
                                </ClrSysMmbId>
                                <Othr>
                                    <Id>a</Id>
                                </Othr>
                            </FinInstnId>
                        </OrgnlDbtrAgt>
Infine se cambia la data di conclusione del mandato (solo alcuni ne dispongono)
                        <OrgnlFnlColltnDt>1967-08-13</OrgnlFnlColltnDt>
oppure la frequenza (che è poco utilizzata)
                        <OrgnlFrqcy>MIAN</OrgnlFrqcy>
                    </AmdmntInfDtls>

So, veniamo alla parte pratica.
Molte banche non hanno implementato a livello singolo e non risultano funzionanti a livello consortile alcune possibilità. Se vuoi tentare un trasloco di IBAN su altra banca non funzionerà e dovrai ricorrere alla chiusura e riapertura. Questo ad oggi. E' ovvio che le banche sono molto forti economicamente e che in tempi ragionevoli tutto ciò che è previsto teoricamente dallo standard sarà implementato al 100%.
Anche il local IBAN amendment in alcune banche richiede ancora un passaggio preliminare di "spinta".
Fatti importanti che devi tenere presenti.
1) Nella parte successiva del mandato ovviamente si inseriranno i dati aggiornati;
2) Per chi ha aderito a SEDA tutto quello che hai visto è veleno (=poison, = Gift);
3) Se incappi nella banca che non ha implementato, tutto i tag precedenti possono essere veleno e farti scartare l'incasso.
4) Poiché questo standard impone le variazioni sempre accompagnate da un incasso, gli esperimenti vanno effettuati con grande circospezione, magari sentendo prima la banca. Dopo ognuno di questi amendment dovrebbero scattare processi di update anagrafico e operativo. Dovrebbero. In caso contrario, gli effetti possono essere imprevedibili. Insignificanti o gravi a seconda dei casi.

Spero di esserti stato utile.
Fritz


Back to Top
Sponsored Links


Back to Top
Freund Fritz View Drop Down
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Avatar

Joined: 04/Set/2015
Location: Deutschland
Status: Offline
Points: 40
Post Options Post Options   Thanks (0) Thanks(0)   Quote Freund Fritz Quote  Post ReplyReply Direct Link To This Post Posted: 13/Ott/2015 at 06:49
Originally posted by pivetser pivetser wrote:

Grazie mille per le preziose info.

Ti sottopongo un altro caso.

Se un cliente recede da un contratto per cui devo chiedere che il mandato venga chiuso come posso fare?



Buongiorno pivetser!
Senza voler interferire con richieste personali, ti dò alcune indicazioni. La prima si ricollega ai link che leggo nel thread. In questo campo occorre documentarsi, ma ciò non è facile. La documentazione SEPA presa da siti francesi, tedeschi, austriaci non è detto che vada bene per l'Italia che ha scelto una nazionalizzazione dell'ISO 20022 praticato altrove. Quindi se sei nel 95% degli italiani che ha optato per CBI allora leggi solo documentazione italiana che tratta di CBI. Se ti stai occupando di una azienda straniera che appena ha visto lo standard CBI ha detto (come miei cari amici): "Was ist denn das? Noi non volere...", allora vanno bene anche le documentazioni straniere.
Solo un esperto è in grado di orientarsi tra le due varianti. Ripeto. Il CBI SDD è una sorta di dialetto di ISO 20022 SDD e non la stessa cosa.
E veniamo a tua domanda. Se tu leggi l'xsd per bene noterai che sull'importo non esistono apparentemente limiti minimi di importo per il singolo mandato. Nella pratica credo che tutte le banche richiedano minimo 0.01.
Questo è il primo fatto. Inoltre lo standard prevede una sequenza FNAL che chiude la sequenza delle collection.
E questo è il secondo fatto. Infine il CBI vende un suo servizio AOS che prevede una transazione cx esattamente allo scopo da te richiesto. Terzo fatto.
Proseguiamo in senso inveso.
Se tu aderisci ad AOS SEDA e impari a scrivere un messaggio XML CX puoi chiudere il mandato (d'iniziativa creditore) quando vuoi. Però dopo non basta il miglior elmetto tedesco per proteggerti dalle spese che pioveranno da tutte le parte. Inoltre la tua azienda può non essere d'accordo ad acquistare il servizio.
Se tu riesci ad inviare un file FNAL prima dell'ultima rata, lo stesso scopo lo raggiungi gratuitamente con SEPA standard. Esistono remote possibilità che la banca ricevente non abbia ancora attivato tutti i processi previsti in automatico per la chiusura, ma credo che oggi la transazione dovrebbe concludersi nel miglior modo possibile.
Ma se il debitore non deve pagarti più nulla, allora il FNAL lo puoi spendere solo con un invio da 0.01.
Puoi coprire l'azione contrattualmente personalizzando il mandato da far firmare al cliente. Fai scrivere piccolo piccolo. All'atto della chiusura del mandato sarà addebitato un Euro per spese amministrative relativa alla gestione del mandato.
Se prendi molti Euro con questo sistema, dovresti però offrire birra a Fritz.

Saluti.
Freund Fritz

Back to Top
 Post Reply Post Reply Page  <12
  Share Topic   

Forum Jump Forum Permissions View Drop Down

Forum Software by Web Wiz Forums® version 10.17
Copyright ©2001-2013 Web Wiz Ltd.

This page was generated in 0,063 seconds.